Ciclo di verniciatura Poliuretanico trasparente opaco e lucido a poro chiuso

Supporto: legno massiccio o MDF impiallacciato con varie essenze.

Preparazione del supporto con tinta serie Makolor diluita con acqua o solvente:

  • LAMxxx dil 1:x con acqua/solvente. Applicazione a spruzzo o straccio.
  • Il tipo e la percentuale di H2O o solvente dipendono dal colore richiesto.

Applicazione di fondo poliuretanico: 2 o 3 mani, distanziate di circa 1 ora, a seconda del tipo di essenza:

  • LBA148 cat. 50% con LCB185 dil. 20-30 % con LZD091

Dopo circa 12 ore, o il giorno seguente, previa carteggiatura con carta abrasiva grana 280-320:

Applicazione di una patina spagliettabile, ove richiesto:

  • LATxxx (serie) dil. 1:x con acqua o alcool – applicazione a spruzzo e spagliettatura con lana d’acciaio dopo circa 1 ora a temperatura ambiente.

FINITURA OPACA: Applicazione di finitura poliuretanica poliuretanica trasparente:

  • LFA49X serie cat. 50% con LCB185 dil. 20-30 % con LZD091, 1 mano a spruzzo

Ove sia richiesta una elevata resistenza al graffio (es: top di cucine o scrivanie) si consiglia l’impiego della finitura serie LFA42X in alternativa alla LFA49X.

FINITURA LUCIDA: eseguire carteggiatura con carte grana 400 e 600. Applicare la finitura poliuretanica trasparente lucida:

  • LGA209 cat. 100% con LCB070 dil. 20-30 % con LZD083, 1 o 2 mani a spruzzo distanziate di 3-4 ore senza carteggiatura intermedia.
  • La finitura lucida può essere spazzolata e lucidata, dopo 2-3 giorni dall’ultima applicazione, con i prodotti appositi.

Trattamento di legni esotici e impiallacciature tipo fine-line

    • Per la verniciatura di impiallacciatura con poro molto profondo e per il trattamento di legni esotici (fine line, wenguè, tek, ecc.) si consiglia l’applicazione di isolante universale, direttamente sul supporto grezzo o tinto, avendo cura di bagnare bene il poro. Procedere poi con l’esecuzione del ciclo come descritto sopra.
      • LDA001 cat. 100% LCB173, dil. 20-40% con LZD091 – una o più mani.

     

    L’impiego di prodotti alternativi ma equivalenti a quelli indicati nel ciclo di lavorazione non pregiudicano il risultato finale. La valutazione in base a costi, tempi di essiccazione, vertibabilità, ecc. può essere influenzata da situazioni tecniche o commerciali diverse.

    Per l’impiego specifico di ogni prodotto attenersi ai dati contenuti nella relativa Scheda Tecnica, o chiedere ulteriori informazioni al Laboratorio.

    E.O.F.

Codice lavorazione

CLL02

Argomento
cicli di lavorazione
Questo sito utilizza Cookies tecnici di terze parti al fine di monitorare gli accessi sul sito. Non vi è profilazione utenti. accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookies.
Leggi l'informativa completa sui cookies